Storico Giardino Garzoni

Ai piedi dell’antico borgo medievale di Collodi formatosi alla fine del XII secolo, si trova Villa Garzoni, con annesso il monumentale Storico Giardino Garzoni. La villa è stata costruita a partire dalla metà dal XVI secolo, e particolarmente sviluppata, insieme al Giardino, nel XVII secolo per volontà di Romano Garzoni, sul luogo dove vi erano le rovine dell’antico castello che garantiva la sicurezza del paese alle sue spalle e un boschetto destinato alla caccia. La villa, assecondando il dislivello del terreno, presenta quattro piani a valle scanditi da un ritmo di finestre, e tre piani a monte; richiama la tipologia delle ville lucchesi ad essa contemporanee. Il giardino, che conserva straordinariamente i tratti del gusto e della spettacolarità barocca, è unico nel suo genere poiché fonde architettura, scultura, arte topiaria ed èstato realizzato nel corso di circa 2 secoli, assumendo l’attuale struttura e aspetto d’insieme alla fine del Settecento, con una marcata caratteristica di giardino fiorito. Situato a fianco della Villa, propone un allestimento paesaggistico originale, dove la natura e l’arte in perfetta armonia fra di loro diventano un tutt’uno in una dimensione irreale quasi da favola.La conformazione fisica del terreno, connotata da un forte pendio, ha suggerito l’organizzazione del giardino a terrazze, con un effetto grandioso, amplificato dallo schema compositivo geometrico, intorno ad un asse centrale, e dalla presenza di terrazzamenti e scale di grande effetto scenografico. Dal parterre alla francese si accede ai vari livelli del giardino grazie ad una maestosa scalinata a doppia rampa nei cui muri di sostegno si aprono nicchie che contengono statue in terracotta mascheroni, fontane e giochi d’acqua.Il Giardino è popolato di statue, figure desunte dal mondo classico – Flora, Fauno, Diana Bacco, Apollo e Dafne, Satiri – oppure dalle scene pittoresche in voga nel Settecento: popolani, figure esotiche, animali. Vi sono anche un teatrino di verzura, un boschetto di bambù, un labirinto di siepi di bosso a ridosso della via di comunicazione fra la Villa e il giardino stesso e una scalinata d’acqua che conduce ad un laghetto sovrastato dalla statua della Fama, portatrice per conto di Giove di buone e cattive notizie. La storia del Giardino è illustrata all’ingresso da una mostra che riproduce documenti d’archivio fin dal XVI secolo e foto d’epoca, dai primi del ‘900 ai nostri giorni.Dal 2007, con l’inaugurazione di ampi restauri, lo Storico Giardino Garzoni è stato arricchito dalla Collodi Butterfly House, un gioiello di architettura contemporanea in cristallo, al cui interno è ricreato un ambiente tropicale dove numerose specie di grandi farfalle originarie di climi tropical-equatoriali vivono libere. Un giardino nel giardino, meraviglioso e vivo.

Scopri gli itinerari che passano da qui