I Tesori della Valdinievole in mostra a Montecatini Terme

Montecatini Terme e la Valdinievole sono un luogo unico e magnifico dal punto di vista artistico perché, da una città all’altra, si possono trovare opere conosciute in tutto il mondo, ma mai era successo prima che si potesse ammirare in una unica location il lavoro che hanno svolto grandi Maestri ed i loro allievi in Valdinievole dal Cinquecento ai giorni nostri.Si parla di Libero Andreotti, che ha dato il nome alla Gipsoteca di Pescia, gli stabilimenti termali di Montecatini, gli affreschi di Pietro Annigoni e le opere di Galileo Chini. Questi sono soltanto alcuni dei “Tesori della Valdinievole” che verranno riuniti tutti in un’unica mostra che si aprirà al Mo.Ca. (Montecatini Terme Contemporary Art) sabato 26 marzo alle ore 17 e che rientra nel programma della prima Open Week della Valdinievole. Una mostra ideata da Bruno Ialuna, Assessore alla Cultura del Comune di Montecatini Terme, realizzata con Maria Cristina Masdea, della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Toscana.Cosa si potrà ammirare in questa mostra? L’ “Annunciazione Toeplitz”, il capolavoro di Libero Andreotti, piuttosto che “La ragazza col cappellino” di Corrado Zanzotto o la scultura di Mauro Vaccai donata alla città di Montecatini Terme e celebrativa del 700° anniversario della grande battaglia del 1315 alla quale partecipò anche Dante Alighieri. Si passerà, poi, ad epoche più recenti con l’arte sacra fino ai disegni ed il progetto dei vari stabilimenti termali (Tettuccio e Regina) ed arrivare al Novecento con Giorgio De Chirico, Galileo Chini, Joan Miro, Pietro Annigoni.Davvero numerose le opere esposte ed i partner che hanno collaborato alla realizzazione di una mostra unica che rimarrà aperta fino al prossimo 6 novembre.