La leggenda del miracolo della Fontenuova a Monsummano Terme

Curiosa è la storia che ha portato alla fondazione di Monsummano Terme, comune fra i più grandi per estensione nella Toscana “Da Leonardo a Pinocchio”. Una terra che “è una specie di sospesa meraviglia”, anzi, come la definirebbe Verdi “l‘ottava meraviglia”.La sua storia è legata ai prodigiosi eventi accaduti negli ultimi decenni del Cinquecento. Si narra, infatti, che il 9 giugno 1573 la pastorella Jacopa, forse della famiglia Mariotti, si raccolse in preghiera di fronte al tabernacolo, lungo la strada che attraversava la zona acquitrinosa del fondovalle. Distrattasi per un attimo dalla preghiera, la fanciulla si accorse di aver disperso il suo gregge, che, invocata la Vergine, ritrovò radunato in buon ordine sotto un albero.In seguito a quell’evento i prodigi si susseguirono, mentre si moltiplicavano le offerte dei pellegrini che accorrevano numerosi a pregare al piccolo oratorio sorto sulla margine detta “del Pozzo Vecchio”. Il 7 luglio 1602, dopo un lungo periodo di siccità, nei pressi di quell’oratorio scaturì improvvisamente dalla roccia una fonte di acqua purissima.Il Santuario della Fontenuova si trova in Piazza Giusti a Monsummano, nel centro della cittadina.Per conoscere la storia del Santuario e le informazioni utili per visitarlo, clicca qui.